Animanga Wiki
Advertisement

Belaf è uno dei tre Saggi di Ilblu. Come umano era uno dei membri chiave del corpo Suicida dei Ganja e ora e uno dei residenti più importanti di Ilblu.

Aspetto esteriore[]

Belaf ha un corpo lungo simile a un millepiedi e una testa che ricorda un fiore. Non ha quasi lineamenti del viso tranne quelle che a prima vista sono due orbite vuote, ma in realtà sono più simili ad una bocca. Ha un tubo simile a una proboscide che sporge da ogni buco per mangiare e anche la sua voce proviene da una di queste aperture.

Come essere umano, Belaf era magro e alto. Aveva capelli argentati e una grossa cicatrice sul lato sinistro della faccia. i suoi occhi erano di colore azzurro chiaro e aveva sempre un'espressione intensa sul viso.

Personalità[]

Belaf farà di tutto per ottenere ciò che vuole, anche a costo di distruggere il proprio corpo. Tuttavia sarà premuroso verso gli altri, come mostrato a Riki, quando ha dato la scelta di quale parte del corpo scambiare per riavere Nanachi. Belaf era una persona molto più calorosa quando era umano. Sebbene avesse lo sguardo cupo e intimidatorio, era molto perspicace nei confronti dei pensieri e dei sentimenti degli altri e ha contribuito ad aumentare la fiducia di Veko durante i loro viaggi. Era anche altrettanto intelligente: ha servito come il principale traduttore tra i nativi dell'Isola dell'Abisso e l'equipaggio dei Ganja.

Storia[]

Arco di Marijuana[]

Belaf era una volta un essere umano e faceva parte del Corpo Suicida Ganja che mirava a trovare la Città d'oro in fondo all'Abisso. Ha servito come uno dei Saggi di Ganja, nonchè il principale traduttore per i nativi dell'Abisso. Dopo che i Ganja hanno creato il campo Base sul 6 strato e ha iniziato a soffrire i sintomi di una malattia sconosciuta. che indurisce il corpo, è stato Belaf a scoprirne l'origine.

Si ammalò anche perchè non avevano una fonte d'acqua alternativa, ma in seguito fu guarito dalla "medicina" datagli da Wazukyan. Viene rivelato che il cibo che wazukyan aveva nutrito con Vueko, Belaf e altri membri di Ganja, che sono stati infettati dalla "Pseudowater", è un brodo composto con i figli di Irumyuui e con sua sorpresa non solo ha dato nutrimento agli infetti, ma ha anche alleviato i sintomi della loro infezione.

Dopo questa rivelazione, Belaf è rimasto scioccato di aver mangiato i figli di Irymyuui e subisce un esaurimento nervoso, incolpandosi pesantemente di aver mangiato volontariamente il brodo mentre era sotto gli effetti del Pseudowater. In seguito viene nutrito da Vueko perchè stava morendo dalla fame al punto da non essere in grado di muoversi e tuttavia la supplica di smettere di dargli da mangiare il brodo fatto con i figli di Irmyuui.

Quando Irmyuui, dopo la sua ultima trasformazione, iniziò a consumare i predatori del 6 strato, Belaf, ancora afflito dal senso di colpa la implorò di consumare anche lui per rimediare all'aver mangiato i suoi figli. Un gigantesco buco si apri in Irmyuui, permettendo a Belaf di camminare proprio dentro di lei. Quando la carne di Belaf fu consumata, fu contemporaneamente ricostruito e trasformato in residuo. Gli altri membri dei Ganja, colpiti dalla sua bellezza della nuova forma di Belaf, hanno concluso che sarebbero stati perdonati per aver mangiato i figli di Irmyuui se si fossero offerti a lei allo stesso medo e Wazukyan ha proclamato che questa è la casa che stavano cercando.

Primi anni di vita come residuo[]

Durante una delle numerose visite di Bondrewd al vilaggio, portò con se Mitty. Belaf è stato in grado di percepire la vera immortalità di Mitty e ha deciso che doveva averla per conto suo. Bondrewd si rifiutò di Venderla a Belaf, indipendentemente da ciò che veniva offerto.

Cosi invece, Belaf sacrificò tutte le sue 724 braccia e gambe, metà del suo corpo, parte dei suoi organi sensoriali e "ridusse e uso il loro valore" affinchè Mitty rinascesse nel vilaggio. Belaf usa Mitty come la sua principale fonte di cibo, dal momento che non importa quanta carne le prenda, lei si rigenera perchè è immortale.

Ilblu arco[]

Dopo che Nanachi viene a sapere da Majikaja, durante una conversazione sul valore, che Belaf è in possesso della presunta morte Mitty, chiedono a Majikaja di portarli a Belaf. Dopo aver visitato la casa del saggio, Nanachi è commosso fino alle lacrime per la felicità di ricongiungersi con Mitty, ma è scioccato pochi istanti dopo mentre Belaf estende le sue antenne per nutrirsi di Mitty. Poiche Nanachi vuole salvare Mitty da altri tormenti si offre a Belaf in cambio di Mitty.

Più tardi, Riko fa visita al Saggio poichè è stata informata di trovare Nanachi con lui.Riko trova Nanachi e Mitty con Belaf e lui le dice che il Mitty che ha è un clone creato dall'originale portato da Bondrewd al villaggio che voleva usare come fonte di nutrimento. Poiché non poteva permettersi di comprare Mitty direttamente da lui, ha sacrificato metà del suo corpo perché il villaggio la replicasse. Le dice anche di come Nanachi si è offerta a lui e che è disposto a rivenderla a Riko in cambio di qualcosa di simile valore.

Le suggerisce di scambiare con lui entrambi i suoi occhi, entrambe le gambe o il suo sistema digestivo. Prima che Riko possa fare un patto con lui, Majikaja chiude la bocca a Riko, le dice di non essere frettolosa e Riko si arrende per il momento.

Dopo che Nanachi si sveglia, dai tremiti della battaglia in corso tra Faputa e gli abitanti del vilaggio, e chiede a Belaf cosa sta succedendo, li informa che il loro sogno ora non lo è piu.

Belaf informa l'ancora confuso Nanachi che ha donato loro i suoi ricordi del passato, a causa del fatto che ora deve congedarsi. Per lui i suoi ricordi rappresentano il suo valore. Quindi, in un certo senso, trasferisce il suo valore a Nanachi perché gli piace il rapporto che hanno con Mitty.

La conversazione è fortemente interrota dai ruggiti della battaglia in corso tra Faputa e gli abitanti del vilaggio. Belaf dice a Nanachi Faputa che è tornata e non fermerà la sua furia fino a quando il vilaggio non sarà completamente distrutto. Fa anche loro sapere che li rilascia e che ora possono andare dove vogliono.

Mentre Nanachi sta per congedarsi con Mitty, Belaf la indica nella direzione in cui la barriera ha iniziato a scomparire. Se Mitty dovesse essere portata oltre, cesserà di esistere. Questo perchè ogni essere che è stato creato nel vilaggio può esistere solo in esso e cesserà di esistere se portato fuori di esso.

Promette che se Nanachi dovesse scegliere di rimanere, farà qualsiasi cosa in suo potere per proteggere Mitty e loro. Nanachi è combattuta, a causa della felicità che prova per aver avuto una seconda possibilità di vedere Mitty. Ma decide che la loro benezione non è stata data da Mitty. Questa volta Nanachi sceglie di liberare Mitty con le proprie mani e inizia a farsi strada fino alla fine della barriera. Anche Belaf si avvia verso la barriera.

Belaf e Nanachi sono arrivati sulla scena della battaglia e, dopo un breve scambio tra Nanachi e Faputa, Belaf avanza verso Faputa. Faputa nota che l'odore di sua madre è forte su Belaf e decide di ucciderlo prima. Quando Faputa inizia a strappare Belaf, ha un monologo interiore sull'avere un regalo per Faputa che spera che lei accetti grazie alla comprensione ora che quando ha implorato Irumyuui di prendergli tutto, lei ha lasciato questo perché voleva che Faputa lo vedesse .

Faputa frantuma la testa di Belaf e quindi il suo "dono" è posto su Faputa, in una nebbia simile al fumo, essendo i sentimenti e i ricordi che aveva del passato di Ganja. Belaf ringrazia Faputa per essere stata con lui nei suoi ultimi momenti e le dice che dovrà decidere il proprio valore durante la fine del suo destino e lui la incoraggia ad andare avanti senza paura perché vuole che si goda la sua avventura. Successivamente, Belaf muore.

Abilità[]

Alta Rigenerazione[]

Belaf ha sacrificato la maggior parte del suo corpo per ottenere Mitty. La maggior parte sembra essere stata guarita nel tempo

Assorbimento nutrizionale[]

A causa dei suoi cambiamenti corporei come residuo, Belaf è in grado di assorbire il nutrimento da altri esseri viventi inserendo i suoi tubi simili a proboscide in uno dei loro orifizi

Advertisement