Jeanne Valois de la Motte (22 luglio 1756 – 23 agosto 1791) era la figlia di Nicole Lamorlière, la sorella adottiva di Rosalie Lamorlière e moglie di Nicolas de la Motte.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Lei e Rosalie si amavano, ma quando Jeanne stava iniziando a raggiungere il suo obiettivo di diventare una nobile e la sua brama per il suo sontuoso stile di vita cresceva, vide che Rosalie, grazie a Oscar, aveva libero accesso a Versailles, e aveva paura che Rosalie L'avrebbe denunciata e avrebbe perso tutto, quindi era determinata ad assicurarsi che Rosalie non dicesse mai a nessuno ignorandola, arrivando addirittura a mandare suo marito ad uccidere Rosalie.

Mentre lei ha avuto pietà di Maria Antonietta, i soldi che ha dato a Jeanne, secondo lei, non sono stati sufficienti per il suo stile di vita. Alla fine, al suo punto di rottura, Jeanne decide che vuole davvero diventare la regina di Francia e tramare per incastrare Marie Antoinette, quando scopre che la collana di diamanti che il defunto re stava creando per Madame Du Barry era finalmente finita, è allora che escogitò una trama che sarebbe diventata il crimine più famoso della storia francese, l'affare della collana.

Quando è stata catturata, è stata portata nel tribunale penale francese dove è stata processata. All'inizio stava negando tutto, ma quando il giudice ha portato Nicole d'Olivia, una prostituta cieca che ha assunto per imitare Marie Antoinette nel crimine, lei dice la verità e Jeanne non ha avuto altra scelta che confessare. Tuttavia, ha ancora mentito sul coinvolgimento di Maria Antonietta e ha detto che lei e Marie erano amanti delle lesbiche che hanno cospirato insieme la trama, e quella parte ha rovinato ancora di più la reputazione di Maria Antonietta.

Prima di essere mandata in prigione, è stata contrassegnata con un ferro caldo che aveva un simbolo su di esso che significa "Thief", e da allora le persone hanno sostenuto Jeanne, implorando la sua liberazione e il pubblico è andato contro Maria Antonietta. Presto fugge e quando il suo fallito tentativo di uccidere Oscar sta per ucciderla, uccide il suo devoto marito Nicolas, l'unica persona al mondo (tranne Rosalie) che è ancora dalla sua parte, perché non desidera morire da sola e sapeva che Nicholas non poteva vivere senza di lei e non voleva che suo marito fosse messo in prigione e giustiziato per i suoi crimini, dimostrando il suo profondo amore per Nicholas dopo anni di usarlo. Nicholas accettò felicemente la sua morte come andrebbe dovunque sia, Jeanne, Jeanne era felice quando lo disse, i due condividono un bacio appassionato prima della loro morte.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.