Animanga Wiki
Advertisement
Animanga Wiki

Questa è una lista dei personaggi del manga e anime Kimetsu no Yaiba.

Squadra degli ammazzademoni[]

La Squadra degli ammazzademoni (鬼殺隊, Kisatsutai?) è un'antica organizzazione di umani che cacciano e uccidono i demoni comandati da Muzan. Non è riconosciuta dal governo e non è pubblicamente nota, ma conta centinaia di membri.

Per diventare un ammazzademoni, un individuo deve superare la Selezione finale, un test utilizzato come esame di ammissione per entrare a far parte della Squadra degli ammazzademoni. Durante questa selezione, gli esaminatori devono sopravvivere per sette giorni sulla cima di una montagna infestata da demoni senza alcun aiuto dall'esterno. I candidati che completano la selezione finale ricevono l'uniforme standard, oltre ad avere l'opportunità di scegliere il minerale per la loro spada speciale, progettata per eliminare i demoni in modo efficiente.

A ogni nuovo ammazzademone viene assegnata anche una delle rare specie di uccelli parlanti per scopi di comunicazione: i Corvi Kasugai ( (かすがい) (がらす) , Kasugai Garasu?). Anche se sono quasi sempre corvi, quello di Zenitsu è in realtà un passero e non è in grado di parlare. La femmina di corvo associata a Tokito è unica poiché ha lunghe ciglia e parla normalmente, al contrario degli altri che parlano poco e forte; dopo essere rimasta sola, si ammalla e viene confortata dal corvo di Tanjiro, che poi sposa. Dopo lo scioglimento della Squadra, i corvi vengono lasciati liberi ma molti tornano a frequentare la magione Ubuyashiki o gli ammazzademoni sopravvissuti.

Dopo avere superato il primo periodo da cadetti, i membri della Squadra sono suddivisi in dieci diversi ranghi:

Mizunoto → Mizunoe → Kanoto → Kanoe → Tsuchinoto → Tsuchinoe → Hinoto → Hinoe → Kinoto → Kinoe

Tanjiro Kamado[]

Kamado Tanjiro primo piano.png

Tanjiro Kamado è un ammazzademoni, fratello di Nezuko e compagno di viaggio di Zenitsu Inosuke. La sua spada è di un rarissimo colore nero, talvolta diventando rossa combinata con il sangue esplosivo di Nezuko, una tecnica che in seguito impara ad eseguire anche senza il suo aiuto, e usa la respirazione dell'acqua e la Danza del Dio del Fuoco (ヒノカミ神楽, Hinokami Kagura). È il figlio maggiore di un venditore di carbone. Un giorno, mentre era via per vendere il carbone, la sua famiglia venne massacrata da un demone e l'unica sopravvissuta fu sua sorella Nezuko Kamado, che fu trasformata in demone. Decise così di trovare una cura per farla tornare umana e arriva così a unirsi alla Squadra degli ammazzademoni.

È un ragazzo di buon cuore e spesso prova tristezza e compassione per i demoni e le loro vittime. Il suo ottimismo infinito e la sua natura semplice spesso fanno sì che la gente apprezzi la sua compagnia, ma allo stesso tempo lo mette in contrasto con diversi personaggi.

Addestrato da Sakonji Urokodaki nella tecnica del respiro acquatico (水の呼吸 Mizu no Kokyū), dopo l'addestramento diventa un abile spadaccino e un grande stratega. Ha anche un senso dell'olfatto molto sviluppato che gli consente di rintracciare i demoni e addirittura sfuggire ai loro attacchi. In seguito, impara a utilizzare la Danza del Dio del Fuoco (ヒノカミ神楽, Hinokami Kagura) della sua famiglia, che a sua volta è derivata dalla prima forma di respirazione, la respirazione del sole (日の呼吸, Hi no kokyū), come una forma di combattimento più potente, riuscendo anche a unirla alle tecniche di respirazione dell'acqua per creare uno stile di combattimento più sostenibile. Durante la battaglia finale contro Muzan, Tanjiro perde un braccio e un occhio e viene ferito a morte, ma riesce a sopravvivere essendo stato trasformato in demone da Muzan Kibutsuji. Perdendo la sua coscienza nella trasformazione fino al punto di attaccare i propri amici, Tanjiro diventa una minaccia più grande dello stesso Muzan, dato che è immune alla luce solare come sua sorella, fino a quando non riesce a tornare alla forma umana grazie agli sforzi dei suoi compagni. Nonostante siano ricresciuti quando era un demone, il suo braccio e il suo occhio hanno perso gran parte delle loro funzioni.

Zenitsu Agatsuma[]

Agatsuma Zenitsu primo piano.png

Zenitsu Agatsuma (我妻 善逸, Agatsuma Zen'itsu) è un ammazzademoni e compagno di viaggio di Tanjiro, Nezuko e Inosuke. La sua spada è dorata e usa la respirazione del fulmine.

Possiede due personalità molto diverse tra loro: quella dominante è estremamente insicura e si spaventa facilmente; quando si trova in grave pericolo, sviene e subentra la sua seconda personalità, più dura e spietata.

Prima di unirsi agli ammazzademoni, fu imbrogliato da una donna piena di debiti e costretto a ripagarli, venendo salvato e preso come allievo dall'ex Pilastro (柱, Hashira) del fulmine Jigoro Kuwajima. Durante un allenamento, Zenitsu si arrampicò su un albero perché sentiva di essere una delusione per il maestro, quando venne improvvisamente colpito da un fulmine, che gli fece diventare i capelli biondi. È stato addestrato nella tecnica della respirazione del fulmine (雷の呼吸, Kaminari no Kokyū), riuscendo tuttavia a imparare una sola tecnica.

Dopo avere incontrato Tanjiro e Nezuko, si unisce a loro spinto dalla sua cotta per la ragazza ma anche dalla personalità del suo pari. Inizialmente riesce a combattere solo quando è svenuto o addormentato, ma poi impara a mettere da parte le proprie paure e ad agire quando deve, al punto da sviluppare da solo una nuova tecnica. Ha un senso dell'udito molto sviluppato che gli consente di distinguere il vero carattere di una persona dal suono del suo battito cardiaco. Successivamente, sposa Nezuko e la loro discendenza arriva fino ai giorni nostri con Toko Agatsuma e Yoshiteru Agatsuma.

Inosuke Hashibira[]

Hashibira Inosuke primo piano.png

Inosuke Hashibira (嘴平 伊之助, Hashibira Inosuke) è un ammazzademoni e compagno di viaggio di Tanjiro, Nezuko e Zenitsu. Le sue due spade sono di un colore grigio-indaco con le lame appositamente seghettate per abbinarle alle sue preferenze e al suo stile di combattimento e usa la respirazione della bestia.

È sfacciato e incline a reagire violentemente. Ha fatto il test contemporaneamente a Tanjiro e Zenitsu ed è stato il primo a completarlo. È analfabeta e, nonostante utilizzi due spade contemporaneamente, è mancino e non ambidestro.

Nacque in una famiglia con un padre violento e, quando era ancora in fasce, sua madre, stanca dei maltrattamenti, lo portò via e cercò riparo nel tempio di Doma. Tuttavia, dopo aver scoperto la sua vera natura, fuggì con il piccolo Inosuke inseguita dal demone: ritrovatasi sulla cima di un dirupo e non trovando alcuna via di fuga, la donna fece un ultimo sforzo disperato per salvare il figlio, gettandolo nel fiume sottostante, dove fu trovato e salvato da una femmina di cinghiale. Ha poi vissuto gran parte della sua vita nei boschi, lottando per sopravvivere contro le bestie selvagge, sviluppando un fisico estremamente muscoloso e robusto, in contrasto con il suo viso dai lineamenti delicati e femminili, che normalmente nasconde dietro la sua caratteristica maschera ottenuta dalla testa del cinghiale che lo ha cresciuto. Il suo principale interesse è confrontare la sua forza contro altre creature, venendo a conoscenza della Squadra degli ammazzademoni proprio in un duello contro uno dei membri.

Usa la respirazione della bestia (獣の呼吸 Kedamono no Kokyū), ideata personalmente da lui, e usa due spade. Ha un senso del tatto molto sviluppato, grazie al quale riesce a localizzare i nemici anche da molto lontano, un'elevata flessibilità che gli permette di slogare a comando le proprie articolazioni e di assumere posizioni del corpo innaturali per una persona comune ed è immune a diversi tipi di veleni. Ha avuto dei discendenti fino ad arrivare ad Aoba Hashibira ai giorni nostri.

Kanao Tsuyuri[]

Tsuyuri Kanao primo piano.png

Kanao Tsuyuri (栗花落 カナヲ, Tsuyuri Kanao) è un'ammazzademoni, la Tsuguko di Shinobu Kocho e la sorella adottiva della stessa Shinobu e Kanae Kocho. Ha una vista estremamente sviluppata e padroneggia la Respirazione del Fiore (花の呼吸, Hana no Kokyū), insegnatale da Kanae.

Ha grandi difficoltà ad agire senza che le venga detto esplicitamente cosa fare e si affida al lancio di una moneta per prendere qualunque decisione. È cresciuta in una famiglia povera, che la maltrattò e vendette come schiava, cosa che l'ha portata a non dare valore alla propria vita e a non provare emozioni. Anche dopo essere stata salvata e accolta da Shinobu e Kanae, ha continuato a non fare nulla senza ordini precisi, motivo per cui Kanae le ha dato la moneta. Questo inizia a cambiare quando Tanjiro la esorta a prendere le proprie decisioni seguendo il cuore.

Genya Shinazugawa[]

Shinazugawa Genya primo piano.png

Genya Shinazugawa (不死川 玄弥, Shinazugawa Gen'ya) è un ammazzademoni e il fratello minore di Sanemi Shinazugawa, il Pilastro del Vento.

A differenza della maggior parte degli ammazzademoni, non è in grado di usare alcun tipo di Respirazione né impugnare efficacemente una spada, così usa una pistola munita di proiettili realizzati col metallo nichirin e, grazie al suo speciale sistema digestivo, riesce a mangiare alcune parti dei demoni contro cui combatte per ottenerne temporaneamente i poteri.

Sua madre divenne un demone e uccise tutti i propri figli, così Sanemi fu costretto a ucciderla per salvare almeno Genya. Con lo scopo di convincere quest'ultimo a lasciare gli ammazzademoni per non rischiare la morte, l'ha sempre trattato male per allontanandolo.

Kagaya Ubuyashiki[]

Ubuyashiki Kagaya primo piano.png

Kagaya Ubuyashiki (産屋敷 耀哉, Ubuyashiki Kagaya), noto principalmente come Maestro (お館様, Oyakata-sama), è il capofamiglia degli Ubuyashiki e il novantasettesimo leader degli ammazzademoni, organizzazione fondata e sempre capeggiata dalla sua famiglia. Muzan Kibutsuji nacque infatti tra gli Ubuyashiki, che vennero colpiti da una maledizione che uccideva tutti i neonati; quando la famiglia era sull'orlo dell'estinzione, un sacerdote consigliò a un antenato di Kagaya di riscattarsi fondando una squadra che potesse dedicarsi interamente a combattere i demoni; la maledizione è parzialmente rimasta, impedendo a tutti i membri della famiglia di raggiungere i trent'anni di vita.

Ha la capacità di mettere gli altri a proprio agio con i suoi toni pacati e ha il dono della preveggenza, che gli ha permesso di evitare situazioni disastrose e di accumulare ricchezze. Per sconfiggere Muzan, si è alleato con Tamayo e ha formulato un piano con cui sacrificarsi per indebolirlo.

Pilastri[]

I Pilastri (柱, Hashira) sono i nove spadaccini più potenti della squadra degli ammazzademoni; per grado, sono secondi solo al capofamiglia Ubuyashiki. Per diventare Pilastro, un ammazzademoni deve uccidere almeno cinquanta demoni e un membro delle Dodici Lune.

Kyojuro Rengoku[]

Rengoku Kyojuro primo piano.png

Kyojuro Rengoku (煉獄 杏寿郎, Rengoku Kyōjurō) è il Pilastro della Fiamma, ruolo precedentemente coperto da suo padre Shinjuro. Sua madre Ruka, prima di morire, gli insegnò quella che per lei era la lezione più importante: chi nasce forte ha il dovere di proteggere i deboli. Molto vivace e premuroso, ha sempre avuto l'abitudine di parlare a voce molto alta.

Quando la Prima Luna Calante Enmu attacca il treno su cui viaggiano, Kyojuro collabora con il gruppo di Tanjiro e riesce a sconfiggerlo, salvando oltre duecento civili ma morendo poco dopo a causa delle ferite ricevute dalla Terza Luna Crescente Akaza. Tanjiro, in segno di ammirazione e rispetto, monta la guardia della spada di Kyojuro sulla propria nuova spada.

Shinobu Kocho[]

Kocho Shinobu primo piano.png

Shinobu Kocho (胡蝶 しのぶ, Kochō Shinobu) è il Pilastro dell'Insetto, un'esperta farmacologa, sorella minore della defunta Kanae Kocho (Pilastro del Fiore) e sorella maggiore adottiva di Kanao Tsuyuri. Ha creato e padroneggiato la Respirazione dell'Insetto, che comprende l'utilizzo di una spada speciale che inietta veleno nei demoni che ferisce invece di decapitarli. Il suo odio viscerale per i demoni e in particolare per Doma, colui che uccise Kanae, si iniettò veleno estratto dal glicine per oltre un anno così da potersi sacrificare e uccidere il nemico dall'interno.

Odia profondamente i demoni poihcé responsabili di avere ucciso molte persone a lei care, inclusa sua sorella; nasconde però la propria rabbia mostrandosi sempre sorridente e sagace. Quando i demoni uccisero i loro genitori, Kanae e Shinobu vennero salvate dall'intervento di Gyomei, che le portò alla Squadra degli ammazzademoni; si dimostrò subito abile nel canalizzare la propria ira nel combattere i demoni, anche se spesso li torturava sadicamente prima di ucciderli. Nonostante si sia offerta di uccidere misericordiosamente Nezuko, è poi stata tra i primi Pilastri a concedere a Tanjiro di tenerla con sé per cercare una cura dopo avere sentito il discorso del giovane.

Giyu Tomioka[]

Tomioka Giyu primo piano.png

Giyu Tomioka (冨岡 義勇, Tomioka Giyū) è il Pilastro dell'Acqua. Parla poco e raramente mostra le proprie emozioni. Inizialmente tenta di uccidere Nezuko in quanto demone ma cambia idea dopo averla vista proteggere il fratello: capendo che la ragazza ha mantenuto una qualche coscienza umana, decide di risparmiarla e invia i due fratelli dal suo ex maestro Urokodaki affinché Tanjiro impari a padroneggiare la Respirazione dell'Acqua e acquisisca gli strumenti necessari a perseguire il suo obiettivo di guarire la sorella. Per questa sua decisione, si è assunto la responsabilità delle azioni di Nezuko e ha promesso ai Pilastri che, se mai la ragazza dovesse uccidere un umano, si toglierà la vita insieme a Sakonji (che l'ha accolta per due anni) e Tanjiro. Giyu è infatti riflessivo e pragmatico e uccide i demoni solo perché malvagi e non per piacere personale.

Non si considera degno di essere un Pilastro poiché la sua posizione sarebbe dovuta andare a Sabito, che si sacrificò per salvare la vita a Giyu e agli altri partecipanti all'esame di selezione finale. Ha infatti un complesso d'inferiorità, che poi riesce a superare grazie all'aiuto di Tanjiro.

Sanemi Shinazugawa[]

Shinazugawa Sanemi primo piano.png

Sanemi Shinazugawa (不死川 実弥, Shinazugawa Sanemi) è il Pilastro del Vento e il fratello maggiore di Genya. Ha il corpo ricoperto dalle cicatrici ottenute in anni di combattimenti; ha un atteggiamento irascibile e violento e non accetta ordini da nessuno a parte il capofamiglia Ubuyashiki.

Odia profondamente i demoni sin da quando sua madre divenne una di loro e uccise tutti i propri figli e Sanemi fu costretto a ucciderla per salvare almeno Genya. Con lo scopo di convincere quest'ultimo a lasciare gli ammazzademoni per non rischiare la morte, l'ha sempre trattato male per allontanandolo. Ha subito espresso l'intenzione di uccidere Nezuko e, anche quando è stato costretto a rinunciare, non ha nascosto di essere contrario alla presenza dei fratelli Kamado tra gli ammazzademoni.

Gyomei Himejima[]

Himejima Gyomei primo piano.png

Gyomei Himejima (悲鳴嶼 行冥, Himejima Gyōmei) è il Pilastro della Roccia, il più alto, robusto e anziano del gruppo, nonché il più forte della propria generazione nonostante la cecità. La sua arma principale è una catena che collega un'ascia e una sfera chiodata.

Da giovane, si occupava di alcuni orfani presso un santuario; una notte, un demone massacrò alcuni di loro e così Gyomei, in preda all'ira, lo uccise brutalmente. La mattina seguente, venne erroneamente accusato di essere il responsabile del massacro e condannato a morte; Kagaya Ubuyashiki però lo salvò e lo convinse ad entrare nella Squadra degli ammazzademoni così che potesse mettere la propria forza al servizio dei più deboli. Non ha mai smesso di recitare preghiere buddiste.

Inizialmente, ha diffidato dei fratelli Kamado, cambiando idea dopo avere riconosciuto in Tanjiro la stesso innocenza e bontà d'animo degli orfani di cui si prendeva cura.

Tengen Uzui[]

Uzui Tengen primo piano.png

Tengen Uzui (宇髄 天元, Uzui Tengen) è il Pilastro del Suono, usa due spade connesse da una catena e ha l'udito più sviluppato di tutti gli ammazzademoni. Molto dedito ai piaceri terreni, ha l'abitudine di mettersi in mostra e compiere azioni che reputa esuberanti e appariscenti; si mostra indifferente e superficiale ma possiede anche un lato cordiale e premuroso, specialmente con le sue mogli Makio, Suma e Hinatsuru.

Da giovane, era uno shinobi e il suo unico scopo era completare le missioni assegnategli; una volta divenuto Pilastro, ha cambiato atteggiamento e dato la priorità a proteggere i propri cari e gli innocenti. Dopo essere stato menomato da Gyutaro, ha lasciato la propria posizione per addestrare gli ammazzademoni più giovani; durante la battaglia finale, rimane a guardia di Kiriya Ubuyashiki insieme a Shinjuro Rengoku.

Mitsuri Kanroji[]

Kanroji Mitsuri primo piano.png

Mitsuri Kanroji (甘露寺蜜璃, Kanroji Mitsuri) è il Pilastro dell'Amore e usa una spada particolarmente lunga e flessibile. Essendo stata istruita da Kyojuro Rengoku, ha appreso la Respirazione della Fiamma ma, non riuscendo a combattervi col suo pieno potenziale, ha creato e sviluppato una propria variante personale che l'ha portata ai vertici dell'organizzazione: la Respirazione dell'Amore.

Grazie alla sua insolità densità muscolare, è più forte delle persone comuni, motivo per cui è stata sempre rifiutata dai ragazzi che le interessavano; infatti si è unita alla Squadra degli ammazzademoni per trovare un uomo più forte di lei che voglia sposarla. Anche se impacciata, è molto amichevole e allegra; innamorata di Obanai, è ricambiata ma lo scopre solo quando è troppo tardi.

Muichiro Tokito[]

Tokito Muichiro primo piano.png

Muichiro Tokito (時透 無一郎, Tokitō Muichirō) è il Pilastro della Nebbia e il più giovane della storia. Oltre ad avere padroneggiato le sei tecniche della Respirazione della Nebbia, ne ha creata una settima basata sul frequente cambiamento di velocità dei propri movimenti per disorientare il nemico. Anche se è quasi sempre distratto e impassibile, riesce a concentrarsi e dimostrarsi molto efficiente nel momento del bisogno.

Dopo la morte dei genitori, ha vissuto col gemello Yuichiro finché quest'ultimo non è stato ucciso da un demone, poi massacrato da Muichiro in un impeto d'ira; come conseguenza di tale episodio, ha perso la memoria e ha mantenuto solo l'odio verso i demoni, così si è allenato e ha raggiunto la posizione di Pilastro in soli due mesi.

Obanai Iguro[]

Iguro Obanai primo piano.png

Obanai Iguro (伊黒小芭内, Iguro Obanai) è il Pilastro del Serpente e usa una spada ondulata. Tiene la parte inferiore del viso sempre coperta da bende per nascondere la sua vistosa cicatrice e i suoi occhi hanno l'eterocromia: il sinistro è azzurro mentre il destro è giallo e parzialmente cieco.

La sua famiglia compiva sacrifici umani a un demone in cambio di denaro e quindi crebbe con una pessima autostima, esigendo sempre il massimo da sé stesso e dagli altri. Sempre in compagnia del serpente bianco Kaburamaru, ha usato gli occhi di quest'ultimo e i talismani del demone Yushiro per riuscire a vedere dopo essere stato accecato da Muzan. Innamorato di Mitsuri, è ricambiato ma lo scopre solo quando è troppo tardi.

Sakonji Urokodaki[]

Sakonji Urokodaki (鱗滝 左近次, Urokodaki Sakonji) è il più abile insegnante della Respirazione dell'Acqua, di cui era il Pilastro; tra gli altri, è stato il maestro di Tanjiro Kamado, Giyu Tomioka, Sabito e Makomo. Vive ai piedi del monte Sagiri e non si toglie mai la maschera da tengu.

Durante i suoi due anni di sonno, Sakonji ha imposto alla coscienza di Nezuko di considerare gli umani come membri della sua famiglia e tutti i demoni che fanno loro del male come nemici. Per questa sua decisione, si è assunto la responsabilità delle azioni di Nezuko e ha promesso ai Pilastri che, se mai la ragazza dovesse uccidere un umano, si toglierà la vita insieme a Giyu (che l'ha portata da lui anziché ucciderla) e Tanjiro (che vuole curarla a tutti i costi).

Jigoro Kuwajima[]

Kuwajima Jigoro primo piano.png

Jigoro Kuwajima (桑島 慈悟郎, Kuwajima Jigorō) è stato l'insegnante di Zenitsu e Kaigaku, nonché un ex-ammazzademoni che occupava il seggio del Pilastro del Fulmine (鳴柱, Nari Bashira). Ha dovuto lasciare la sua posizione trentacinque anni fa dopo avere perso la gamba destra dal ginocchio in giù. Al contrario degli altri Pilastri, il cui titolo deriva direttamente dal nome della Respirazione che usano, quello di Jigoro conteneva la parola "rombo" (, nari?) (derivante dall'antica parola Izumi "fulmine" (神鳴, kaminari?)) anziché "fulmine" (, kaminari?) (usata nel nome della Respirazione del fulmine ( (かみなり) () (きゅう) , Kaminari no kokyū?)).

Quando viene a sapere del tradimento di Kaigaku, trasformatosi in demone e promosso a Sesta Luna Crescente, se ne assume la responsabilità e commette seppuku per riscattarsi.

Fantasmi[]

Sabito[]

Sabito primo piano.png

Sabito era un promettente allievo di Sakonji Urokodaki ma morì per mano di un demone per salvare gli altri aspiranti durante l'esame di selezione degli ammazzademoni. Tra coloro che sono sopravvissuti grazie a lui, c'è anche Giyu Tomioka, l'ultimo Pilastro dell'Acqua, che è sempre stato convinto di non meritare il titolo che invece sarebbe più giustamente spettato proprio a Sabito.

Così come successo agli altri allievi deceduti, il suo fantasma è tornato al Monte Sagiri poiché il fallimento e il senso di colpa di Sakonji gli impediva di andare nell'aldilà; ha poi aiutato Tanjiro ad allenarsi in preparazione dell'esame di selezione.

Makomo[]

Makomo primo piano.png

Makomo era una promettente allieva di Sakonji Urokodaki ma morì per mano di un demone durante l'esame di selezione degli ammazzademoni. Questo era lo stesso demone che aveva già mangiato diversi altri allievi di Sakonji e sfruttò questo fatto per terrorizzare la bambina, che non riuscì a muoversi per la paura e venne smembrata lentamente.

Così come successo agli altri allievi deceduti, il suo fantasma è tornato al Monte Sagiri poiché il fallimento e il senso di colpa di Sakonji gli impediva di andare nell'aldilà; ha poi aiutato Tanjiro ad allenarsi in preparazione dell'esame di selezione.

Demoni[]

Nezuko Kamado[]

Kamado Nezuko primo piano.png

Nezuko Kamado (竈門 禰豆子, Kamado Nezuko) è la sorella minore di Tanjiro. Unica sopravvissuta della sua famiglia all'attacco di Muzan Kibutsuji, è stata trasformata da quest'ultimo in un demone. Ha conservato però una parte dei suoi ricordi e sentimenti umani e quindi è riuscita a frenare i suoi impulsi demoniaci, arrivando addirittura e usarli per aiutare suo fratello nelle sue azioni da ammazzademoni. Divenuta sensibile alla luce solare, Tanjiro la trasportava in una cassa di legno che portava sulla schiena durante i loro viaggi. Non più in grado di parlare, indossava un bavaglio di bambù così da tenersi calma e non rischiare di mordere qualcuno.

Aveva diversi poteri demoniaci, tra cui rigenerazione, forza sovrumana, capacità di cambiare dimensioni e la particolare tecnica "sangue esplosivo" (爆血, Bakketsu) che le consentiva di far bruciare il sangue fuori dal proprio corpo. Al contrario degli altri demoni, riacquistava energia dal sonno. Durante i suoi due anni di sonno, Sakonji Urokodaki aveva imposto alla sua coscienza di considerare gli umani come membri della sua famiglia e tutti i demoni che fanno loro del male come nemici. Quando è diventata immune alla luce del sole, è diventata l'obiettivo principale di Muzan, ambizioso di diventare invincibile. Durante la battaglia finale contro Muzan, torna ad essere umana grazie alla medicina creata da Tamayo ed aiuta Tanjiro a riprendersi dalla sua trasformazione demoniaca tramite il suo sangue (che conteneva anticorpi per il sangue demoniaco di Muzan). Successivamente, sposa Zenitsu e la loro discendenza arriva fino ai giorni nostri con Toko Agatsuma e Yoshiteru Agatsuma.

Muzan Kibutsuji[]

Kibutsuji Muzan primo piano.png

Muzan Kibutsuji (鬼舞辻 無惨, Kibutsuji Muzan) è il primo demone della storia, nonché il più potente, e ha trasformato innumerevoli umani in demoni che hanno poi fatto lo stesso. Usa spesso travestimenti diversi (anche per età e genere) per passare inosservato tra gli umani. Odia chi non esegue i suoi ordini, gli imprevisti e i cambiamenti, considerando ideale uno stato in cui tutto resta sempre uguale; a parte le occasioni in cui è stizzito e infasidito, è sempre indifferente e distaccato.

Nacque il 28 marzo nei primi anni del decimo secolo (Era Heian); essendo malato, venne sottoposto a un trattamento sperimentale che però lo trasformò e lo spinse a uccidere il medico che glielo aveva somministrato, rendendosi poi conto di essere stato effettivamente curato. Poiché la sua unica debolezza era il sole, si impegnò per cercare un modo per diventarne immune: quando infatti scopre che Nezuko non è indebolita dalla luce solare, decide di catturarla e divorarla per assorbire tale capacità.

Tamayo[]

Tamayo primo piano.png

Tamayo (珠世, Tamayo) è la prima demone ad essere sfuggita al controllo di Muzan: ha così sfruttato le proprie abilità mediche per ricercare una cura per invertire la trasformazione in demone.

Quando era umana, soffriva di una grave malattia e, nel cercare una cura, conobbe Muzan, che gliene offrì una: quando la donna si rese conto di essere diventata un mostro e di avere ucciso suo marito, i loro figli e diversi altri umani, cadde nella disperazione e nell'odio verso il demone. Riuscì a modificare la propria struttura genetica per eradicare l'influenza di Muzan e per permettersi di sopravvivere con solo una piccola quantità di sangue e senza mangiare carne umana. Durante le sue ricerche, scoprì il modo per trasformare gli umani in demoni e lo offrì ai malati terminali, sempre chiarendo gli effetti affinché fossero consapevoli della propria scelta: Yushiro è stato il primo e ultimo demone creato così. Grazie all'aiuto del gruppo di Tanjiro e Nezuko, ha trovato una cura efficace ponendo ufficialmente fine al regno di terrore dei demoni.

Yushiro[]

Yushiro primo piano.png

Yushiro (愈史郎, Yushiro) è l'unico demone creato da Tamayo, quindi non ha mai subito l'influenza di Muzan e gli basta una minima quantità di sangue per sopravvivere. Poiché la trasformazione ha curato la sua malattia terminale, è profondamente grato alla donna e si prende cura di lei. Il suo potere demoniaco gli permette di nascondere la presenza degli essere viventi e renderli irrintracciabili dai demoni; tale tecnica però è meno efficace all'aumentare degli individui da celare.

Rimane inoltre il demone più longevo della storia, essendosi rifiutato di prendere la cura. Ora passa tutto il tempo a dipingere il volto di Tamayo, vendendo tali quadri e facendo nascere diverse leggende intorno alla sua figura.

Kokushibo[]

Kokushibo primo piano.png

Kokushibo (黒死牟, Kokushibō) è il demone che ricopre il ruolo di Prima Luna Crescente; è in grado di rigenerarsi e cambiare forma a piacimento, infatti la sua spada fa parte del suo corpo. Solo lo sforzo combinato di quattro ammazzademoni, di cui tre Pilastri, è riuscito a sconfiggerlo, con perdite anche tra loro.

Da umano, era l'ammazzademoni Michikatsu Tsugikuni (継国厳勝, Tsugikuni Michikatsu): invidioso del talento di suo fratello minore Yoriichi, si unì a Muzan così da potersi allenare in eterno per migliorare la propria tecnica di spadaccino senza preoccuparsi della morte. Il suo stile di combattimento è la Respirazione della Luna (月の呼吸, Tsuki no kokyū), che deriva direttamente dalla Respirazione del Sole (日の呼吸, Hi no kokyū) di Yoriichi.

Doma[]

Doma primo piano.png

Doma (童磨, Dōma) è il demone che occupa la posizione di Seconda Luna Crescente; la sua abilità gli consente di creare e manipolare il ghiaccio ed è il più sadico e crudele tra gli ufficiali di Kibutsuji.

Da bambino, i suoi genitori lo considerarono benedetto dagli dèi e dunque fondarono un culto religioso per venerarlo. Dopo la morte dei suoi genitori, assunse il controllo del culto e, una volta divenuto un demone al servizio di Muzan, prese a mangiare i propri seguaci. La madre di Inosuke Hashibira cercò riparo nel suo tempio per fuggire al marito violento ma, scoprendo la verità su di lui, corse via, finendo poi uccisa. Anche Kanae Kocho morì per mano sua; la sorella minore di lei, Shinobu, progettò e mise in pratica un lungo piano per sconfiggerlo, riuscendoci poi con l'aiuto di Kanao e Inosuke.

Akaza[]

Akaza primo piano.png

Akaza (猗窩座, Akaza) è il demone che detiene il titolo di Terza Luna Crescente; il suo potere si basa esclusivamente sul combattimento corpo a corpo e gli consente di creare onde d'urto sfruttando i propri colpi.

Da giovane umano, Hakuji (白磁) si diede ai furti per comprare le medicine al padre malato, che però si suicidò per non essere un peso per il figlio. Venne quindi preso in custodia da Keizo, un maestro di arti marziali che lo incaricò di prendersi cura della figlia malata, Koyuki. Innamoratisi, i due vissero felicemente insieme per i successivi due anni; la ragazza guarì e suo padre offrì ad Hakuji la mano di sua figlia e il dojo. Il giovane promise che si sarebbe preso cura di entrambi ma la sua nuova famiglia morì poco dopo di avvelenamento, causato dai membri di un dojo rivale. Accecato dalla rabbia, uccise tutti i sessantasette rivali e incontrò Muzan, che lo trasformò in demone e rinominò in Akaza.

Dopo la sconfitta di Enmu per mano degli ammazzademoni, uccide Rengoku. Nella Fortezza Dimensionale Infinita, si scontra con Tanjiro e Giyu e, recuperando i ricordi della propria vita da umano, si toglie la vita.

Hantengu[]

Hantengu primo piano.png

Hantengu (半天狗, Hantengu) è il demone che ricopre il ruolo di Quarta Luna Crescente prima di Nakime; il suo vero potere viene rivelato quando si divide in più individui distinti, ognuno rappresentante un aspetto diverso della sua personalità (rabbia, rilassamento, dolore, piacere, poi uniti a formare odio e infine risentimento). Ognuno di questi cloni è un eccelso combattente in grado di rivaleggiare anche con un Pilastro.

Attaccò il villaggio dei forgiatori di spade insieme a Gyokko, venendo poi ucciso da Tanjiro con l'aiuto di Nezuko, Genya e Mitsuri; prima di morire, però, riuscì ad informare Muzan dell'immunità di Nezuko alla luce solare, facendola diventare il nuovo obiettivo del suo padrone.

Nakime[]

Nakime primo piano.png

Nakime (鳴女, Nakime) è la servitrice personale di Muzan e la demone che occupa il seggio di Quarta Luna crescente dopo la morte di Hantengu; il suo potere le permette di controllare e muovere a piacimento le stanze della fortezza di Muzan (inclusa la creazione di bulbi oculari con cui spiare i movimenti degli intrusi anche a lunga distanza) tramite il suono del suo biwa. Prima di venire promossa, il suo compito principale era evocare le Dodici Lune all'interno della magione affinché Muzan comunicasse loro i propri ordini. Lascia quasi sempre il proprio unico occhio coperto da una caratteristica frangia.

Affronta Mitsuri e Obanai nel Castello Infinito ma, venendo manipolata da Yushiro, Muzan la uccide per impedirle che i nemici prendano il controllo della magione.

Gyokko[]

Gyokko primo piano.png

Gyokko (玉壺, Gyokko) è il demone che detiene la posizione di Quinta Luna Crescente; il suo potere consiste nello sfruttare delle giare per spostarsi velocemente e per evocare diversi mostri acquatici. Da umano, si chiamava Managi.

Mostra la sua natura sadica torturando le proprie vittime e distorcerne i corpi mentre sono ancora vive, trasformandole così in grottesche sculture dai volti terrorizzati. Ha infatti una fissazione per l'arte, volendo creare opere di suo gradimento e infuriandosi quando vengono criticate. Odia tutti gli esseri viventi tranne Muzan.

Partecipa all'attacco al villaggio dei forgiatori di spade insieme ad Hantengu, venendo però ucciso da Muichiro.

Gyutaro[]

Gyutaro primo piano.png

Gyutaro (妓夫太郎, Gyūtarō) è il demone che vanta il titolo di Sesta Luna Crescente, condiviso con la sorella Daki; il suo potere gli permette di creare falci avvelenate dal proprio corpo e di separare il proprio nucleo per nasconderlo lontano dal corpo, assicurando così la sopravvivenza sua e della sorella. L'unico modo per ucciderli è quello di decapitare entrambi contemporaneamente.

Nacque nella classe più povera del quartiere a luci rosse e sua madre lo picchiava abitualmente e arrivò anche a tentare di ucciderlo perché non poteva mantenerlo; era anche deforme e quindi veniva continuamente deriso e schernito dagli altri bambini. Quando nacque sua sorella Ume, si sentì orgoglioso e responsabile, iniziando a crescerla da solo quando la loro madre impazzì e poi morì. A 13 anni, Ume venne scelta per lavorare in un postribolo di alta classe, dove ricevette un'istruzione e un addestramento affinché potesse diventare la perfetta Oiran, mentre Gyutaro lavorava come esattore di debiti. Quando però la ragazza cava l'occhio di un samurai, viene legata e bruciata; il fratello tenta di salvarla e, quando la direttrice del postribolo e il samurai cercano li aggrediscono, li uccide. Mentre cercavano aiuto nel quartiere, si imbatterono in Doma, che ebbe pietà di loro e li trasformò in demoni. Viene ucciso da Tengen e Tanjiro mentre sua sorella da Zenitsu e Inosuke.

Daki[]

Daki primo piano.png

Daki (堕だ姫き,Daki) è il demone che condivide il titolo di Sesta Luna Crescente con il fratello Gyutaro; il suo potere le permette di creare fasce da kimono dal proprio corpo e renderle sia flessibili che affilate. L'unico modo per ucciderli è quello di decapitare entrambi contemporaneamente.

Ume (梅) nacque nella classe più povera del quartiere a luci rosse e sua madre, mentalmente instabile, morì poco dopo; suo fratello la crebbe da solo. A 13 anni, venne scelta per lavorare in un postribolo di alta classe, dove ricevette un'istruzione e un addestramento affinché potesse diventare la perfetta Oiran, mentre Gyutaro lavorava come esattore di debiti. Quando però la ragazza cava l'occhio di un samurai, viene legata e bruciata; il fratello tenta di salvarla e, quando la direttrice del postribolo e il samurai cercano li aggrediscono, li uccide. Mentre cercavano aiuto nel quartiere, si imbatterono in Doma, che ebbe pietà di loro e li trasformò in demoni. Viene uccisa da Zenitsu e Inosuke mentre suo fratello da Tengen e Tanjiro.

Kaigaku[]

Kaigaku primo piano.png

Kaigaku (獪岳, Kaigaku) è il demone che sostituisce Gyutaro e Daki come Sesta Luna Crescente.

Era un orfano e venne accudito da Gyomei, venendo però cacciato dagli altri bambini per avere rubato i soldi del tempio; incontrò poi un demone, a cui permise l'ingresso nel tempio in cambio della sua vita, portando così alla morte dei bambini e all'arresto di Gyomei. In seguito venne allenato dal Pilastro del Fulmine Kuwajima e apprese la Respirazione del Fulmine insieme a Zenitsu; a differenza di quest'ultimo, che imparò solo la prima delle sei tecniche, Kaigaku imparò solo le altre cinque. Divenne un membro della squadra degli ammazzademoni, ma si fece trasformare in demone da Kokushibo. Viene ucciso da Zenitsu con una settima tecnica sviluppata personalmente da lui.

Enmu[]

Enmu primo piano.png

Enmu (魘夢, Enmu) è il demone che ricopre la posizione di Prima Luna Calante; il suo potere gli permette di addormentare le persone e manipolarne i sogni, potendole anche uccidere distruggendo il centro spirituale del loro sogno. Anche se si mostra generalmente timido e introverso, ha una natura sadica e crudele che mostra solo nel mondo onirico.

Quando Muzan decide di uccidere le Lune Calanti perché inutili, risparma Enmu per la sua profonda devozione e lo incarica di uccidere Tanjiro. Quando però gli tende un'imboscata, viene ucciso da Tanjiro stesso e Inosuke con l'aiuto di Zenitsu, Nezuko e Kyojuro.

Rui[]

Rui primo piano.png

Rui (累, Rui) è il demone che ricopre il ruolo di Quinta Luna Calante e di leader della famiglia dei demoni ragno; la sua abilità gli permette di creare fili molto affilati e resistenti.

Da umano, fu un bambino malato che venne curato grazie alla trasformazione in demone. La sua nuova natura lo spinse a uccidere un uomo per cibarsene e i suoi genitori, per impedirgli di fare del male ad altri, decisero di eliminarlo nel sonno per poi suicidarsi. Rui però si svegliò e, infuriatosi per il tradimento, li uccise entrambi e perse così la sua memoria umana. Da allora, per ricrearsi una famiglia ideale, iniziò a radunare demoni adatti ad diventare i suoi nuovi genitori e fratelli, senza mai riuscire a sentirsi legato a loro. Quando incontra i fratelli Kamado, diventa invidioso del loro rapporto, anche se non comprende la ragione. Dopo una lunga battaglia con Tanjiro e Nezuko, viene facilmente ucciso da Giyu. La sua morte spinge Muzan a sciogliere le Lune Calanti rimaste perché troppo deboli e inaffidabili in confronto alle Lune Crescenti.

Kyogai[]

Kyogai primo piano.png

Kyogai (響凱, Kyōgai), noto anche come Demone del Tamburo (鼓の鬼, Tsuzumi no oni), è il demone che ricopriva la posizione di Sesta Luna Calante, toltagli da Muzan a causa del raggiungimento del suo limite, che gli impediva di mangiare umani e quindi di evolversi e potenziarsi; il suo potere consiste nello sfruttare gli tsuzumi incastonati nel suo corpo per manipolare le stanze di una casa, spostando e girando le stanze e tirare colpi e fendenti agli avversari.

Per riottenere un posto nelle Dodici Lune, ha passato anni a cercare e mangiare umani dotati di sangue raro (稀血, marechi): secondi i demoni, infatti, questi individui hanno i valori nutritivi di cento umani comuni. Viene ucciso da Tanjiro.

Altri demoni[]

Rokuro (轆轤, Rokuro) è il demone che ricopre la posizione di Seconda Luna Calante. Dopo che gli chiede altro sangue per diventare più forte, Muzan lo uccide nella Fortezza Dimensionale Infinita insieme alle altre Lune Calanti perché inutili.

Hairo (佩狼, Hairō) era il demone che deteneva il titolo di Seconda Luna Calante alcuni anni prima dell'inizio della storia; il suo potere gli permetteva di evocare esseri oscuri che distruggevano tutto ciò che toccavano e combatteva con una pistola. Venne ucciso da Kyojuro, che guadagnò così il seggio del Pilastro del Fuoco.

Wakuraba (病葉, Wakuraba) è il demone che ricopre la posizione di Terza Luna Calante. Viene ucciso da Muzan quando tenta di fuggire dalla Fortezza Dimensionale Infinita.

Mukago (零余子, Mukago) è il demone che detiene la posizione di Quarta Luna Calante. Muzan lo uccide nella Fortezza Dimensionale Infinita insieme alle altre Lune Calanti perché inutili.

Kamanue (釜鵺, Kamanue) è il demone che detiene la posizione di Sesta Luna Calante. Poco dopo l'acquisizione del titolo, Muzan lo uccide nella Fortezza Dimensionale Infinita insieme alle altre Lune Calanti perché inutili.

Advertisement