Maison Ikkoku (めぞん一刻, 'Mezon Ikkoku'?) è un manga realizzato da Rumiko Takahashi e pubblicato dal 14 ottobre 1980 al 6 aprile 1987 sulla rivista Big Comic Spirits di Shogakukan. L'intera opera è stata raccolta in 15 tankōbon.

In Italia il manga è stato pubblicato da Star Comics sulla collana Neverland dal novembre 1998 al gennaio 2001. La pubblicazione era mensile e si è conclusa con l'uscita del 27° volume (tutti in formato "sottiletta").

Lo Studio DEEN ne ha prodotto un anime andato in onda la prima volta su Fuji TV dal 26 marzo 1986 al 2 marzo 1988. L'adattamento animato è formato da una serie TV di 96 episodi, un film e 3 OAV. In Italia l'anime è stato trasmesso col titolo Cara dolce Kyoko.

Ne è stato girato anche un film live-action, nel 1986 e un TV drama iniziato nel maggio 2007 e conclusosi nel luglio 2008.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Yusaku Godai è un rōnin, ovvero uno studente che non ha superato gli esami d'ammissione universitari. Vive in una pensione di Tokyo, la Maison Ikkoku, insieme ad alcune persone molto particolari ed invadenti.
È proprio a causa della loro invadenza che Godai decide un giorno di lasciare quella pensione, convinto di non poter studiare come si deve in quelle condizioni. Tuttavia proprio quel giorno si presenta la nuova amministratrice, Kyoko Otonashi, una donna che il rōnin trova stupenda, tanto da convincerlo a rimanere.
Kyoko infatti vivrà insieme agli inquilini alla Maison Ikkoku, per occuparsi da brava amministratrice anche della manutenzione e pulizia dello stabile. Godai avrà quindi modo di conoscerla meglio, così scoprirà che è poco più grande di lui, ma nonostante la sua giovane età è già vedova.
I numeri quindi sono contro Godai: è squattrinato, non è riuscito ad entrare all'università ed è pure più giovane di lei. Inoltre gli altri inquilini tendono a prendersi gioco di lui rendendogli impossibile la qualunque. Riuscirà quindi a combinare qualcosa?

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.