Animanga Wiki
Advertisement
Save Me! Lollipop

Mamotte! Lollipop (ま も っ て! ロ リ ポ ッ プ Mamotte! Roripoppu, lit. "Protect! Lollipop") è una serie giapponese di manga shōjo scritta e illustrata da Michiyo Kikuta (菊 田 み ち よ Kikuta Michiyo). È stato serializzato sulla rivista Nakayoshi e pubblicato da Kodansha in Giappone tra febbraio 2003 e luglio 2005.

La storia ruota attorno alla protagonista femminile Nina Yamada, una settima elementare che ingoia accidentalmente la Perla di cristallo pensando che fosse caramella. La perla è l'obiettivo di un esame di stregoneria in cui gli studenti devono recuperarlo per passare. Ma dal momento che Nina ha ingoiato la perla, ora è il bersaglio. Due degli esaminatori decidono di proteggerla dagli altri studenti mentre lavorano su una pozione per estrarre la perla da Nina.

Nel 2006, Mamotte! Lollipop è stato adattato in una serie televisiva di tredici episodi di Marvelous Entertainment e Sunshine Corporation sotto la direzione di Noriyoshi Nakamura (中 村 憲 由 Nakamura Noriyoshi). La serie anime è andata in onda tra il 1 ° luglio 2006 e settembre 2006 in Giappone su KAB. Nel 2009, FUNimation Entertainment ha soprannominato l'anime con il nome Save Me! Lollipop.

Trama[]

Nina Yamada è una studentessa di seconda media che sogna un principe azzurro che la proteggerà sempre, qualunque cosa accada. Un giorno, Nina "accidentalmente" inghiottì una Perla di cristallo che pensava fosse una caramella che accompagnava la sua torta. Ma la Crystal Pearl era l'obiettivo di un esame di stregoneria. Nina diventa il nuovo obiettivo di molti stregoni in libertà vigilata e prosegue per sei mesi. Durante tutta questa confusione, incontra due maghi di nome Zero e Ichii e giunge alla conclusione che la proteggono fino a quando non viene creata una pozione per rimuovere la Perla di cristallo da lei. Tuttavia, questa pozione richiederà circa sei mesi per essere completata. Nonostante quanto tempo impiegasse Zero e Ichii decise di proteggere Nina. Anche a scuola ea casa, Zero e Ichii proteggono Nina ovunque vada.

Advertisement